Sharing is caring!


La CONDIZIONALITÀ è l’insieme di regole che gli agricoltori europei devono rispettare per garantire standard elevati di difesa dell’ambiente e del territorio, sicurezza alimentare e salute pubblica, benessere degli animali.

Questi sono i presupposti imprescindibili per gestire in qualità le azioni di produzione, in particolare le imprese zootecniche hanno un duplice obiettivo, quello di incrementare la sostenibilità ambientale delle attività agricole e di soddisfare le aspettative e gli interessi dei consumatori aumentando il consenso sociale.

Ovviamente ogni azienda ha come missione prioritaria quella di attivare azioni per realizzare il reddito di impresa, oltre che per sopravvivere, anche per dare speranza alle nuove generazioni.


Costi e ricavi di gestione degli allevamenti ovini, sono condizionati da una molteplicità di parametri tecnici, finanziari, economici e soprattutto comportamentali.

Le aziende “virtuose” nei comportamenti, in modo particolare la gestione del problema dei predatori, offrono senza dubbio un valore aggiunto per la biodiversità che rappresenta un bene comune sociale da confermare e moltiplicare.

In molti casi le politiche di conservazione dei grandi carnivori giocano un importante ruolo accanto ai più determinanti fattori di cambiamento come le condizioni di lavoro gravose, la fragilità sociale, la mancanza di una garanzia di un ricambio economico familiare e dei risultati economici insoddisfacenti.

Nonostante il difficile contesto economico, dove la società è ancora profondamente radicata nelle attività agricole, ci sono modi per mantenere il patrimonio dei sistemi estensivi di pascolo che inevitabilmente aumentano le problematiche della gestione e quindi della produzione.


Inoltre, la tradizione allevatoriale Toscana ed in modo particolare quella Maremmana, ha nella gestione estensiva dei pascoli un parametro qualitativo fondamentale, che può essere adottato se gestito assieme ad un coerente sistema di protezione dai predatori, dove recinzioni anti predazione e cani da guardiania rappresentano un elemento molto importante.

Mantenere la gestione dei pascoli come pratica culturale, è condizione di base per il mantenimento della biodiversità e poter trarre beneficio da una agricoltura decentrata sostenibile.

Molti allevatori ormai da anni adottano sistemi non convenzionali in coerenza con la sostenibilità, biodiversità, salubrità e qualità delle produzioni, ma inevitabilmente vengono moltiplicati i costi di gestione che rendono difficile il futuro di impresa, dove società e politica sono assenti o dove tutti pensano che tutto sia “normale”.

Quello di cui c’è bisogno, quindi, è un dibattito scientifico, una discussione critica sulle metodologie di gestione che esamini ed esprima una valutazione concreta sugli approcci e sulle opzioni d’intervento anche economico. Un altro aspetto cruciale è l’importanza della comunicazione e di come possa effettivamente supportare il processo di evoluzione del comparto produttivo zootecnico e del sistema di allevamento.

Per questi motivi CIPA-AT Grosseto, agenzia formativa, accreditata alla Regione Toscana (OF0150) e Certificata ISO 29990, per mezzo delle azioni definite tramite la Mis. 1.1 del PSR della Regione Toscana assieme a DifesAttiva (www.difesattiva.info) e non solo, organizza un WorkShop di 12 ore per agevolare le condizioni di filiera e trovare momenti di confronto che possono essere di supporto.


eatty_04


Le attività come l’azione formativa programmata saranno utili anche per proporre una visione diversa, adatta a moltiplicare le sinergie territoriali per incrementare la sostenibilità ambientale delle attività agricole e soddisfare le aspettative e gli interessi  dei consumatori in sinergia con un reddito dignitoso delle Imprese Zootecniche.


Vogliamo informare per agevolare il confronto positivo, condizione indispensabile per divulgare e trasferire consapevolezza che guarda al futuro nel proprio specifico contesto territoriale e socio-culturale, secondo le normative vigenti, con un approccio “privilegiato” all’impresa agricola che ha comportamenti coerenti ed intelligenti, definiti più semplicemente virtuosi.


Facilitatori dell’azione formativa saranno Tecnici CIPA-AT Grosseto, Tecnici IEA e Tecnici CREA


Per Informazioni CIPA-AT Grosseto, +39 0564 450662 – info@qmtt.net


shares